Scienza, filosofia e senso comune: conflitto necessario o convivenza possibile?