Impotenza come riscatto: la rappresentazione dell’“altro”