Il saggio intende riflettere sul linguaggio poetico quale linguaggio prossimo ai vissuti emozionali del bambino e intrinsecamente ludico. Per Andrea Zanzotto, la poesia è assimilabile al linguaggio originario infantile. Lungo questa direttrice, molti poeti per l'infanzia dell'oggi fanno propria, da Tognolini a Carminati, un'idea di poesia libera e giocosa, visiva e corporea. L'infanzia ne diviene l'interlocutrice ideale.

Lepri, C. (2013). Abitare la lingua dell’infanzia. Cenni sul rapporto tra poesia e infanzia. In F. Bacchetti (a cura di), Percorsi della letteratura per l'infanzia. Tra leggere e interpretare (pp. 207-216). BOLOGNA : Clueb.

Abitare la lingua dell’infanzia. Cenni sul rapporto tra poesia e infanzia

Lepri, Chiara
2013-01-01

Abstract

Il saggio intende riflettere sul linguaggio poetico quale linguaggio prossimo ai vissuti emozionali del bambino e intrinsecamente ludico. Per Andrea Zanzotto, la poesia è assimilabile al linguaggio originario infantile. Lungo questa direttrice, molti poeti per l'infanzia dell'oggi fanno propria, da Tognolini a Carminati, un'idea di poesia libera e giocosa, visiva e corporea. L'infanzia ne diviene l'interlocutrice ideale.
9788849138368
Lepri, C. (2013). Abitare la lingua dell’infanzia. Cenni sul rapporto tra poesia e infanzia. In F. Bacchetti (a cura di), Percorsi della letteratura per l'infanzia. Tra leggere e interpretare (pp. 207-216). BOLOGNA : Clueb.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/313316
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact