Il volume intende analizzare, in prospettiva pedagogico-educativa, la funzione del movimento, inteso sia come movimento del corpo (ginnastica, educazione fisica, sport, ecc.) sia come movimento “del mondo” e le relative visioni sottese, attraverso anche un’analisi diacronica dall’antichità fino ai nostri giorni. In sintesi, nel volume viene scandagliata l’educazione del corpo in quanto si ritiene che anch’essa contribuisca a rappresentare espressione della cultura in cui in ogni specifico tempo e contesto si manifesta. L’educazione fisica e lo sport, secondo la curatrice del volume, offrono l’opportunità di convogliare in attività educative positive l’energia vitale, istintuale e fisiologica, dei singoli; inoltre, queste sembrano addirittura moltiplicarsi esponenzialmente quando si creano dei gruppi. L’importanza delle attività motorie e sportive per i processi educativi, d’altro canto, sono diventati uno dei cardini della pedagogia contemporanea. La consapevolezza della positiva influenza della motricità per lo sviluppo delle capacità cognitive, espressive, creative, e comunicative nel processo di insegnamento/apprendimento e di integrazione, così come in quello di riabilitazione, ai fini della conquista dell’autonomia personale e dell’autostima di individui in età di sviluppo o adulti, compresi i diversamente abili, ha fatto sì che all’educazione fisica vengano dati spazio e dignità sempre più espliciti e pedagogicamente progettati, anche se molto dovrebbe essere ancora fatto all’interno dei vari programmi curricolari (disciplinari e interdisciplinari) all’interno dei sistemi scolastici, anche al fine di superare il dualismo sport/educazione fisica e fondare una pedagogia delle attività motorie e dello sport, potenziandone così anche le dimensioni della ricerca scientifica.

(2004). Nel mito di Olimpia. Ginnastica, educazione fisica e sport dall'antichità ad oggi. ROMA : Armando Editore.

Nel mito di Olimpia. Ginnastica, educazione fisica e sport dall'antichità ad oggi

ALEANDRI, GABRIELLA
2004

Abstract

Il volume intende analizzare, in prospettiva pedagogico-educativa, la funzione del movimento, inteso sia come movimento del corpo (ginnastica, educazione fisica, sport, ecc.) sia come movimento “del mondo” e le relative visioni sottese, attraverso anche un’analisi diacronica dall’antichità fino ai nostri giorni. In sintesi, nel volume viene scandagliata l’educazione del corpo in quanto si ritiene che anch’essa contribuisca a rappresentare espressione della cultura in cui in ogni specifico tempo e contesto si manifesta. L’educazione fisica e lo sport, secondo la curatrice del volume, offrono l’opportunità di convogliare in attività educative positive l’energia vitale, istintuale e fisiologica, dei singoli; inoltre, queste sembrano addirittura moltiplicarsi esponenzialmente quando si creano dei gruppi. L’importanza delle attività motorie e sportive per i processi educativi, d’altro canto, sono diventati uno dei cardini della pedagogia contemporanea. La consapevolezza della positiva influenza della motricità per lo sviluppo delle capacità cognitive, espressive, creative, e comunicative nel processo di insegnamento/apprendimento e di integrazione, così come in quello di riabilitazione, ai fini della conquista dell’autonomia personale e dell’autostima di individui in età di sviluppo o adulti, compresi i diversamente abili, ha fatto sì che all’educazione fisica vengano dati spazio e dignità sempre più espliciti e pedagogicamente progettati, anche se molto dovrebbe essere ancora fatto all’interno dei vari programmi curricolari (disciplinari e interdisciplinari) all’interno dei sistemi scolastici, anche al fine di superare il dualismo sport/educazione fisica e fondare una pedagogia delle attività motorie e dello sport, potenziandone così anche le dimensioni della ricerca scientifica.
9788883585920
(2004). Nel mito di Olimpia. Ginnastica, educazione fisica e sport dall'antichità ad oggi. ROMA : Armando Editore.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/315239
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact