Guggemheim e MoMA: oggetto eccezionale e flessibilità