Pubblicata per la prima volta nel 1985 come esito di un dibattito interno al Centre d’études africaines de l’ehess Parigi, Au coeur de l’ethnie si proponeva come un’opera collettiva che aveva “aperto nell’antropologia francese il vaso di Pandora della critica” (Mangeon e Traimond, 2015, p. 62). Opera dalla notorietà indiscussa ed oggetto di dibattiti ancora più appassionati “per il fatto di essere stata mal compresa” (Amselle, M’Bokolo infra, p. 26) fu, infatti, accusata di assumere una postura nichilista e post-moderna, per l’impiego del termine decostruzione. In realtà, nelle intenzioni dei curatori, sviluppava un percorso autonomo senza riferimenti diretti alla prospettiva derridiana, al punto che Amselle, anche recentemente, ha avuto modo di ricordare sarcasticamente “di non sapere nemmeno che cosa avesse voluto dire Deridda utilizzando questo termine” (in Mangeon, 2015, p. 54). Si trattava, piuttosto, del punto di arrivo di riflessioni che nascevano dal confronto diretto con terreni africanistici consolidati e non certo dall’ennesima moda intellettuale della French theory.

Fusaschi, M., Pompeo, F. (2017). L’etnia, dissolvendo la tenebra, ha il cuore nella storia. Introduzione alla seconda edizione. In L'invenzione dell'etnia (pp. 1-24). Milano : Meltemi.

L’etnia, dissolvendo la tenebra, ha il cuore nella storia. Introduzione alla seconda edizione

FUSASCHI, MICHELA;POMPEO, FRANCESCO
2017-01-01

Abstract

Pubblicata per la prima volta nel 1985 come esito di un dibattito interno al Centre d’études africaines de l’ehess Parigi, Au coeur de l’ethnie si proponeva come un’opera collettiva che aveva “aperto nell’antropologia francese il vaso di Pandora della critica” (Mangeon e Traimond, 2015, p. 62). Opera dalla notorietà indiscussa ed oggetto di dibattiti ancora più appassionati “per il fatto di essere stata mal compresa” (Amselle, M’Bokolo infra, p. 26) fu, infatti, accusata di assumere una postura nichilista e post-moderna, per l’impiego del termine decostruzione. In realtà, nelle intenzioni dei curatori, sviluppava un percorso autonomo senza riferimenti diretti alla prospettiva derridiana, al punto che Amselle, anche recentemente, ha avuto modo di ricordare sarcasticamente “di non sapere nemmeno che cosa avesse voluto dire Deridda utilizzando questo termine” (in Mangeon, 2015, p. 54). Si trattava, piuttosto, del punto di arrivo di riflessioni che nascevano dal confronto diretto con terreni africanistici consolidati e non certo dall’ennesima moda intellettuale della French theory.
9788883537363
Fusaschi, M., Pompeo, F. (2017). L’etnia, dissolvendo la tenebra, ha il cuore nella storia. Introduzione alla seconda edizione. In L'invenzione dell'etnia (pp. 1-24). Milano : Meltemi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/320274
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact