Bianca e nero. Per un’iconologia del tabù del “viceversa” nella cartellonistica cinematografica italiana