Ancora sul cosiddetto "Paradosso della Tragedia"