Il dispositivo della crisi: decostruzione e biopolitica