Strategie e aporie dell’identità. Tra Agostino e Proust