Uno degli aspetti centrali della guerra fredda fu l'interazione tra politica estera e politica interna. Questa dipendenza era più profonda nei paesi che, come la Francia e l'Italia, avevano un forte Partito Comunista. La storia del Partito Socialista Italiano è tipica di questo condizionamento. Inizialmente alleato con il PCI che sosteneva l'URSS, successivamente il PSI entrò al governo con la DC che sosteneva gli Stati Uniti e la NATO. Il libro analizza questa evoluzione seguendo da un lato gli eventi internazionali che hanno influenzato i dibattiti di attivisti e leader di partito e dall'altro le dinamiche organizzative che hanno interagito con la politica estera del PSI. I protagonisti sono i leader mondiali, i partiti socialisti dell'Internazionale, i membri anonimi delle sezioni o i membri permanenti del partito. Questo sistema di interazioni offre una nuova prospettiva sull'intreccio della Guerra Fredda. La ricerca è stata condotta impiegando una ricca documentazione archivistica, conservata negli archivi italiani, francesi, britannici, americani e dell'Internazionale socialista.

Mattera, P. (2017). L'ombre de la Guerre Froide. Socialistes italiens, Internationale socialiste et États-Unis (1945-1966). Paris : L'Harmattan.

L'ombre de la Guerre Froide. Socialistes italiens, Internationale socialiste et États-Unis (1945-1966)

Mattera Paolo
2017

Abstract

Uno degli aspetti centrali della guerra fredda fu l'interazione tra politica estera e politica interna. Questa dipendenza era più profonda nei paesi che, come la Francia e l'Italia, avevano un forte Partito Comunista. La storia del Partito Socialista Italiano è tipica di questo condizionamento. Inizialmente alleato con il PCI che sosteneva l'URSS, successivamente il PSI entrò al governo con la DC che sosteneva gli Stati Uniti e la NATO. Il libro analizza questa evoluzione seguendo da un lato gli eventi internazionali che hanno influenzato i dibattiti di attivisti e leader di partito e dall'altro le dinamiche organizzative che hanno interagito con la politica estera del PSI. I protagonisti sono i leader mondiali, i partiti socialisti dell'Internazionale, i membri anonimi delle sezioni o i membri permanenti del partito. Questo sistema di interazioni offre una nuova prospettiva sull'intreccio della Guerra Fredda. La ricerca è stata condotta impiegando una ricca documentazione archivistica, conservata negli archivi italiani, francesi, britannici, americani e dell'Internazionale socialista.
9782343133485
L’un des aspects centraux de la guerre froide fut l’interaction entre politique étrangère et intérieure. Cette dépendance était plus profonde dans les pays qui, comme la France et l’Italie, avaient un Parti communiste fort. L’histoire du Parti socialiste italien est typique de ce conditionnement. D’abord allié au PCI soutenant l’URSS, le PSI entra ensuite au gouvernement avec la démocratie chrétienne soutenant les USA et l’OTAN. À partir d’une riche documentation d’archives, nous analyserons cette évolution en suivant d’une part les évènements internationaux qui influençaient les débats des militants et des dirigeants du parti et d’autre part les dynamiques organisationnelles qui interagissaient avec la politique extérieure du PSI. Les protagonistes sont les leaders mondiaux, les partis socialistes de l’Internationale, les membres anonymes des sections ou les permanents du parti. Ce système d’interactions propose un nouveau point de vue sur les imbrications de la guerre froide. La recherche a été menée à l’aide d’une riche documentation archivistique, conservée dans les archives italiennes, françaises, britanniques, américaines et de l’Internationale socialiste.
Mattera, P. (2017). L'ombre de la Guerre Froide. Socialistes italiens, Internationale socialiste et États-Unis (1945-1966). Paris : L'Harmattan.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/325474
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact