La rete web tra sensibilizzazione e incitamento all’odio razziale