This documentary describes the life of the once thriving Jewish community in Libya and its capital, Tripoli. Starting with the period of Italian colonisation, passing through a series of foreign dominations, it reconstructs the life of the Libyan Jews before their dispersion: a life of difficult coexistence with the Arab population, punctuated by outbursts of rage and hatred towards the Jewish community. The film describes in detail the anguish and violence suffered by the community in the weeks preceding their expulsion, a situation that was experienced again three years later by the Italian Catholics, following the rise of Mu'ammar Gaddafi. A deeply Italian story, this is part of a shared historical memory, evoked through the recollections of eyewitnesses and unpublished archive footage conserved by the Istituto Luce.

Il documentario realizzato con Ruggero Gabbai (che ha avuto le funzioni di regista) racconta e ricostruisce la stria e la memoria degli ebrei di Libia.Scarfone Musica: Miriam Meghnagi Produzione: Chiara Passoni, Francesca Olga Hasbani Il documentario racconta la vita di quella che un tempo fu la fiorente comunità ebraica di Libia e della sua capitale Tripoli. Partendo dalla colonizzazione italiana e attraversando le varie dominazioni straniere, il film descrive la vita degli ebrei libici prima della loro dispersione; una vita vissuta assieme alla popolazione araba in una difficile coesistenza che nel dopoguerra spesso veniva interrotta da tumulti violenti carichi di odio verso gli ebrei. Il film descrive dettagliatamente le settimane di angoscia e di violenza che gli ebrei subirono fino alla loro cacciata, così come avvenne per gli italiani cattolici tre anni dopo con l’avvento di Mu’ammar Gheddafi. Una storia molto italiana che appartiene alla nostra memoria storica rievocata dalle testimonianze dirette e dai materiali d’archivio inediti dell’Istituto Luce.

Meghnagi, D. (2017). "L'ultimo esodo".

"L'ultimo esodo"

MEGHNAGI, DAVID
2017

Abstract

Il documentario realizzato con Ruggero Gabbai (che ha avuto le funzioni di regista) racconta e ricostruisce la stria e la memoria degli ebrei di Libia.Scarfone Musica: Miriam Meghnagi Produzione: Chiara Passoni, Francesca Olga Hasbani Il documentario racconta la vita di quella che un tempo fu la fiorente comunità ebraica di Libia e della sua capitale Tripoli. Partendo dalla colonizzazione italiana e attraversando le varie dominazioni straniere, il film descrive la vita degli ebrei libici prima della loro dispersione; una vita vissuta assieme alla popolazione araba in una difficile coesistenza che nel dopoguerra spesso veniva interrotta da tumulti violenti carichi di odio verso gli ebrei. Il film descrive dettagliatamente le settimane di angoscia e di violenza che gli ebrei subirono fino alla loro cacciata, così come avvenne per gli italiani cattolici tre anni dopo con l’avvento di Mu’ammar Gheddafi. Una storia molto italiana che appartiene alla nostra memoria storica rievocata dalle testimonianze dirette e dai materiali d’archivio inediti dell’Istituto Luce.
This documentary describes the life of the once thriving Jewish community in Libya and its capital, Tripoli. Starting with the period of Italian colonisation, passing through a series of foreign dominations, it reconstructs the life of the Libyan Jews before their dispersion: a life of difficult coexistence with the Arab population, punctuated by outbursts of rage and hatred towards the Jewish community. The film describes in detail the anguish and violence suffered by the community in the weeks preceding their expulsion, a situation that was experienced again three years later by the Italian Catholics, following the rise of Mu'ammar Gaddafi. A deeply Italian story, this is part of a shared historical memory, evoked through the recollections of eyewitnesses and unpublished archive footage conserved by the Istituto Luce.
Meghnagi, D. (2017). "L'ultimo esodo".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/326600
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact