Tra memoria e avvenire. Il compito "poetico" del traduttore