The essay analyze the process of formation of the Chilean colonial elite between the end of the Seventeenth Century and the beginning of the Nineteenth. It is divided into three parts. In the first one, I outline, synthetically, the general conditions of Chile in the seventeenth and eighteenth centuries. In the second one, I try to explain, following the arrival of the Basques, the reconstruction of the colonial elite on more solid and lasting bases, leading to new spaces of power. Finally, in the third part, on the ground of some documents traced in private archives, such as family letters and wills, I analyze the logic, values and feelings that mark her identity in training and her strategies of consolidation and maintenance of power.

Il saggio ricostruisce il processo di formazione della elite coloniale cilena tra la fine del secolo XVII e gli inizi del XIX. Si articola in tre parti. Nella prima delineo in maniera molto sintetica le condizioni generali del Cile nei secoli XVII e XVIII. Nella seconda cerco di spiegare la ricomposizione della élite coloniale in seguito all’arrivo dei baschi che si ristruttura su basi più solide e durature e genera nuovi spazi di potere. Infine, nella terza parte, sulla base di alcuni documenti rintracciati in archivi privati, come lettere di famiglia e testamenti, analizzo le logiche, i valori e i sentimenti che segnano l’identità di questa élite in formazione, ovvero le sue strategie di consolidamento e mantenimento del potere.

Stabili, M.R. (2017). El Reino de Chile. L’immigrazione basca e la formazione dell’élite coloniale (1680-1810). In L.G.C.C. Paolo Broggio (a cura di), Europa e America allo specchio. Studi per Francesca Cantù (pp. 351-375). Roma : Viella.

El Reino de Chile. L’immigrazione basca e la formazione dell’élite coloniale (1680-1810)

Stabili, Maria Rosaria
2017-01-01

Abstract

Il saggio ricostruisce il processo di formazione della elite coloniale cilena tra la fine del secolo XVII e gli inizi del XIX. Si articola in tre parti. Nella prima delineo in maniera molto sintetica le condizioni generali del Cile nei secoli XVII e XVIII. Nella seconda cerco di spiegare la ricomposizione della élite coloniale in seguito all’arrivo dei baschi che si ristruttura su basi più solide e durature e genera nuovi spazi di potere. Infine, nella terza parte, sulla base di alcuni documenti rintracciati in archivi privati, come lettere di famiglia e testamenti, analizzo le logiche, i valori e i sentimenti che segnano l’identità di questa élite in formazione, ovvero le sue strategie di consolidamento e mantenimento del potere.
978-88-6728-933-2
The essay analyze the process of formation of the Chilean colonial elite between the end of the Seventeenth Century and the beginning of the Nineteenth. It is divided into three parts. In the first one, I outline, synthetically, the general conditions of Chile in the seventeenth and eighteenth centuries. In the second one, I try to explain, following the arrival of the Basques, the reconstruction of the colonial elite on more solid and lasting bases, leading to new spaces of power. Finally, in the third part, on the ground of some documents traced in private archives, such as family letters and wills, I analyze the logic, values and feelings that mark her identity in training and her strategies of consolidation and maintenance of power.
Stabili, M.R. (2017). El Reino de Chile. L’immigrazione basca e la formazione dell’élite coloniale (1680-1810). In L.G.C.C. Paolo Broggio (a cura di), Europa e America allo specchio. Studi per Francesca Cantù (pp. 351-375). Roma : Viella.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/327377
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact