A partire da un’analisi della riscrittura mülleriana, il saggio ricostruisce i termini dell’intenso rapporto interstestuale che la scrittura di Heiner Müller intrattiene con quella di Shakespeare, mettendo in luce soprattutto la dimensione del commento e dell’anatomia come tratti salienti della poetica teatrale di Müller.

Fiorentino, F. (2017). Shakespeare sono io. In Francesco Fiorentino (a cura di), Anatomia Titus Fall of Rome Un commento shakesperiano. Seguito da: Shakespeare una differenza (pp. 7-35). Roma : L'Orma.

Shakespeare sono io

Francesco Fiorentino
2017

Abstract

A partire da un’analisi della riscrittura mülleriana, il saggio ricostruisce i termini dell’intenso rapporto interstestuale che la scrittura di Heiner Müller intrattiene con quella di Shakespeare, mettendo in luce soprattutto la dimensione del commento e dell’anatomia come tratti salienti della poetica teatrale di Müller.
9788898038985
Fiorentino, F. (2017). Shakespeare sono io. In Francesco Fiorentino (a cura di), Anatomia Titus Fall of Rome Un commento shakesperiano. Seguito da: Shakespeare una differenza (pp. 7-35). Roma : L'Orma.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Shakespeare sono io.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.99 MB
Formato Adobe PDF
1.99 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/327777
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact