Note linguistiche su un corpus di epistolari cinquecenteschi: la presenza di alterati e di superlativi