Democrazia e libertà religiosa: il caso negli Stati Uniti