La parola straniante: Franco Fortini e il cinema