Bataille, Macchia, Risset e l'odio della poesia. Su un progetto teatrale di Baudelaire