Politica e musica: una storia (in)finita?