Il disagio dell’uomo contemporaneo. Mondializzazione, diversità e l’altro “inaccettabile”