Osservatorio RAI. Quando l’aggressore è romantico