Religione diffusa e disintermediazione del sociale