“Immaginario malgrado tutto”. Note su Didi-Huberman