Nel 1983 lo psicologo statunitense Howard Gardner pubblicò un testo destinato a fare storia – Formae mentis – , con il quale propose una sua teoria dell’intelligenza, quella delle “Intelligenze Multiple”, i cui presupposti, per la verità, affondano le radici in studi, teorie e modelli dapprima filosofici e poi psicologici del passato, ma che tuttavia possiede larghi tratti di originalità e importanti ricadute nell’ambito psicologico ed educativo che meritano di essere approfondite.

Bocci, F., De Angelis, B., Fregola, C., Olmetti Peja, D., & Zona, U. (2016). La teoria delle intelligenze multiple. Implicazioni pedagogiche e ricadute didattiche della “rivoluzione” gardneriana. In Rizodidattica. Teorie dell’apprendimento e modelli didattici inclusivi (pp. 215-280). Lecce : Pensa Multimedia.

La teoria delle intelligenze multiple. Implicazioni pedagogiche e ricadute didattiche della “rivoluzione” gardneriana

Bocci Fabio;De Angelis Barbara;Zona Umberto
2016

Abstract

Nel 1983 lo psicologo statunitense Howard Gardner pubblicò un testo destinato a fare storia – Formae mentis – , con il quale propose una sua teoria dell’intelligenza, quella delle “Intelligenze Multiple”, i cui presupposti, per la verità, affondano le radici in studi, teorie e modelli dapprima filosofici e poi psicologici del passato, ma che tuttavia possiede larghi tratti di originalità e importanti ricadute nell’ambito psicologico ed educativo che meritano di essere approfondite.
Bocci, F., De Angelis, B., Fregola, C., Olmetti Peja, D., & Zona, U. (2016). La teoria delle intelligenze multiple. Implicazioni pedagogiche e ricadute didattiche della “rivoluzione” gardneriana. In Rizodidattica. Teorie dell’apprendimento e modelli didattici inclusivi (pp. 215-280). Lecce : Pensa Multimedia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/337354
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact