Secondo una definizione ormai consolidata nella più recente cultura giuridica italiana, il diritto all’identità personale è il diritto di ognuno a che la proiezione sociale della propria personalità non subisca travisamenti o distorsioni a causa della attribuzione di idee, opinioni o comportamenti differenti da quelli che quell’individuo ha manifestato nella vita di relazione. Frutto degli sforzi creativi di un corposo orientamento giurisprudenziale, che inizia ad emergere nella seconda metà degli anni ’70, in parte incoraggiato e in parte avversato dalla dottrina, il diritto all’identità personale si è imposto come nuovo diritto fondamentale della persona, la cui rilevanza costituzionale è stata riconosciuta dalla stessa Corte Costituzionale. Il volume esamina l’atmosfera culturale che ha preparato il terreno all’emersione di questo nuovo diritto, il percorso giurisprudenziale che ne ha definito i confini e i contesti di applicazione, il dibattito dottrinale che ne ha discusso il fondamento normativo, l’opportunità giuspolitica e la rilevanza costituzionale.

Pino, G. (2003). Il diritto all’identità personale. Interpretazione costituzionale e creatività giurisprudenziale. Bologna : il Mulino.

Il diritto all’identità personale. Interpretazione costituzionale e creatività giurisprudenziale

PINO G
2003

Abstract

Secondo una definizione ormai consolidata nella più recente cultura giuridica italiana, il diritto all’identità personale è il diritto di ognuno a che la proiezione sociale della propria personalità non subisca travisamenti o distorsioni a causa della attribuzione di idee, opinioni o comportamenti differenti da quelli che quell’individuo ha manifestato nella vita di relazione. Frutto degli sforzi creativi di un corposo orientamento giurisprudenziale, che inizia ad emergere nella seconda metà degli anni ’70, in parte incoraggiato e in parte avversato dalla dottrina, il diritto all’identità personale si è imposto come nuovo diritto fondamentale della persona, la cui rilevanza costituzionale è stata riconosciuta dalla stessa Corte Costituzionale. Il volume esamina l’atmosfera culturale che ha preparato il terreno all’emersione di questo nuovo diritto, il percorso giurisprudenziale che ne ha definito i confini e i contesti di applicazione, il dibattito dottrinale che ne ha discusso il fondamento normativo, l’opportunità giuspolitica e la rilevanza costituzionale.
88-15-09426-1
Pino, G. (2003). Il diritto all’identità personale. Interpretazione costituzionale e creatività giurisprudenziale. Bologna : il Mulino.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/338410
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact