Argomentazione giuridica: coerenza o verità?