L'"auctoritas" nell'opera dantesca: il caso di Agostino