Alan Turing: l’arte fragile di contare la realtà