Sulla duplice valenza, diplomatica e giurisdizionale, della conciliazione internazionale