Lo sguardo dell’umorista. Lenti, occhiali e cannocchiali in Dossi e Pirandello