Dal “dono delle lacrime” a possibili pratiche di accoglienza