Il digiuno romano del sabato: tra Agostino e gli Actus Vercellenses