Gli oratori lombardi: rinunciare alle prestazioni o sostenere costi crescenti?