La conclamata maestria di Arrigo Boito nel destreggiarsi tra le più mirabili acrobazie verbali (anagrammi acrostici palindromi tautogrammi…), e l’essere stato spesso accusato come compositore di “vano cerebralismo”, permette di rapportarne la molteplice produzione letteraria e compositiva anche all’enigmistica tout court e all’indefesso montaggio/rimontaggio dei significanti operato dalle Avanguardie storiche. Inoltre, la spiccata vocazione di Boito artista poliedrico a erodere le frasi fatte, a scardinare i luoghi comuni, e a sciogliere negli acidi della decostruzione le ossificazioni semantiche, costituisce un eccellente banco di prova per saggiare le stimolanti ipotesi di Gianpaolo Sasso sulla mente intralinguistica e sul funzionamento più intimo della «macchina linguistica», verificabile anche tramite l’uso di software per l’analisi delle regolarità di tipo algoritmico dei testi. Infine, la doppia competenza di Boito poeta e compositore, conferma che i principali elementi di contatto tra il linguaggio e la musica sono gli elementi prosodici, ossia soprasegmentali: l’inflessione e il registro della voce, i profili di intonazione, la sequenza e la cadenza delle parole, le pause e gli accenti, la velocità di attacco, l’intensità.

Guanti, G. (2019). Arrigo Boito poeta ed enigmista: tra anagrammi e bizzarrie intralinguistiche. In E.d. Maria Ida Biggi (a cura di), "Ecco il mondo": Arrigo Boito, il futuro nel passato e il passato nel futuro (pp. 307-320). Marsilio.

Arrigo Boito poeta ed enigmista: tra anagrammi e bizzarrie intralinguistiche

Giovanni Guanti
2019

Abstract

La conclamata maestria di Arrigo Boito nel destreggiarsi tra le più mirabili acrobazie verbali (anagrammi acrostici palindromi tautogrammi…), e l’essere stato spesso accusato come compositore di “vano cerebralismo”, permette di rapportarne la molteplice produzione letteraria e compositiva anche all’enigmistica tout court e all’indefesso montaggio/rimontaggio dei significanti operato dalle Avanguardie storiche. Inoltre, la spiccata vocazione di Boito artista poliedrico a erodere le frasi fatte, a scardinare i luoghi comuni, e a sciogliere negli acidi della decostruzione le ossificazioni semantiche, costituisce un eccellente banco di prova per saggiare le stimolanti ipotesi di Gianpaolo Sasso sulla mente intralinguistica e sul funzionamento più intimo della «macchina linguistica», verificabile anche tramite l’uso di software per l’analisi delle regolarità di tipo algoritmico dei testi. Infine, la doppia competenza di Boito poeta e compositore, conferma che i principali elementi di contatto tra il linguaggio e la musica sono gli elementi prosodici, ossia soprasegmentali: l’inflessione e il registro della voce, i profili di intonazione, la sequenza e la cadenza delle parole, le pause e gli accenti, la velocità di attacco, l’intensità.
978-88-297-0562-7
Guanti, G. (2019). Arrigo Boito poeta ed enigmista: tra anagrammi e bizzarrie intralinguistiche. In E.d. Maria Ida Biggi (a cura di), "Ecco il mondo": Arrigo Boito, il futuro nel passato e il passato nel futuro (pp. 307-320). Marsilio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/355662
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact