Sul filo del rasoio tra dubbio e identità: il caso "Guerre/Sommersby"