“Persona e sport”: già nel titolo l’opera da subito ben valorizza e mette in luce questo binomio indissolubile che nel testo diviene inevitabilmente consustanziale. La poliedrica multidimensionalità del fenomeno sportivo, con tutta evidenza, investe e trascende la persona tanto nella sua dimensione individuale quanto in quella comunitaria. Dalle molteplici occasioni di sviluppo psico-fisico dell’individuo al ruolo promotore per la genesi di corpi intermedi, tra i più radicati nella comunità, quello sportivo è senza dubbio uno dei fenomeni ordinamentali ove può apprezzarsi con più evidenza il primato della persona umana che informa l’ordinamento. Lo sport consente, infatti, notoriamente all’individuo di migliorare innanzitutto la propria salute. Permette inoltre una gratificazione psicologico-intellettiva, ogniqualvolta si superano i propri limiti a seguito del leale confronto con sé stessi e/o con gli altri. Dà la possibilità anche di misurarsi con un eventuale fallimento, che nella vita può capitare più o meno spesso, cercando di affrontarlo non soltanto senza abbattersi, bensì trasformandolo in un’occasione per trovare nuovi stimoli di fronte alle sfide successive. Favorisce infine l’aggregazione e la coesione sociale in varie forme. Rispetto ad un passato neppure troppo lontano, in cui taluni studiosi sostenevano finanche l’a-giuridicità del fenomeno sportivo, attualmente il diritto, i suoi interpreti e i suoi operatori riservano allo sport un’attenzione cresciuta in misura esponenziale e preponderante. È innegabile come questo sia dovuto, in larga parte, agli aspetti economici che sempre più massicciamente caratterizzano lo sport. Ciò è d’altra parte fisiologico, visto che ad interessi patrimoniali di sempre più ampio respiro deve far fronte una regolamentazione giuridica adeguatamente sofisticata, nonché degli interpreti appositamente preparati e specializzati. In questo panorama ormai così ricco e articolato, il lavoro di Maria Cimmino si distingue, invece, per il chiaro faro personalista che illumina l’indagine sul ruolo del fenomeno sportivo entro il perimetro dei diritti fondamentali della persona, nelle sue più variegate sfaccettature.

Battelli, E. (2019). Prefazione a "Persona e Sport", 7-16.

Prefazione a "Persona e Sport"

BATTELLI E.
2019

Abstract

“Persona e sport”: già nel titolo l’opera da subito ben valorizza e mette in luce questo binomio indissolubile che nel testo diviene inevitabilmente consustanziale. La poliedrica multidimensionalità del fenomeno sportivo, con tutta evidenza, investe e trascende la persona tanto nella sua dimensione individuale quanto in quella comunitaria. Dalle molteplici occasioni di sviluppo psico-fisico dell’individuo al ruolo promotore per la genesi di corpi intermedi, tra i più radicati nella comunità, quello sportivo è senza dubbio uno dei fenomeni ordinamentali ove può apprezzarsi con più evidenza il primato della persona umana che informa l’ordinamento. Lo sport consente, infatti, notoriamente all’individuo di migliorare innanzitutto la propria salute. Permette inoltre una gratificazione psicologico-intellettiva, ogniqualvolta si superano i propri limiti a seguito del leale confronto con sé stessi e/o con gli altri. Dà la possibilità anche di misurarsi con un eventuale fallimento, che nella vita può capitare più o meno spesso, cercando di affrontarlo non soltanto senza abbattersi, bensì trasformandolo in un’occasione per trovare nuovi stimoli di fronte alle sfide successive. Favorisce infine l’aggregazione e la coesione sociale in varie forme. Rispetto ad un passato neppure troppo lontano, in cui taluni studiosi sostenevano finanche l’a-giuridicità del fenomeno sportivo, attualmente il diritto, i suoi interpreti e i suoi operatori riservano allo sport un’attenzione cresciuta in misura esponenziale e preponderante. È innegabile come questo sia dovuto, in larga parte, agli aspetti economici che sempre più massicciamente caratterizzano lo sport. Ciò è d’altra parte fisiologico, visto che ad interessi patrimoniali di sempre più ampio respiro deve far fronte una regolamentazione giuridica adeguatamente sofisticata, nonché degli interpreti appositamente preparati e specializzati. In questo panorama ormai così ricco e articolato, il lavoro di Maria Cimmino si distingue, invece, per il chiaro faro personalista che illumina l’indagine sul ruolo del fenomeno sportivo entro il perimetro dei diritti fondamentali della persona, nelle sue più variegate sfaccettature.
9788833652597
Battelli, E. (2019). Prefazione a "Persona e Sport", 7-16.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/360602
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact