Splendore del falso. Su Kubrick, il fake trailer e la profanazione ludica