Tra Thelonious e Amadeus. Sulla scrittura di Jacqueline Risset