Ibridi d’arte. Il caso dei poetry picturebooks