Lawrence e Anna Halprin. Lo spazio pubblico performativo