Nella storia della Letteratura per l'infanzia, l'albo illustrato ha ormai conquistato un posto di rilievo; esso, per sua natura, è caratterizzato dalla contaminazione di linguaggi diversi e dalla polisemia che nasce dal fruttuoso incontro tra testo e immagine, produttore di sempre nuovi testi. Il "picture book" si pone al servizio di un processo in cui la costruzione di una competenza testuale, fondata principalmente sul pensiero logico, deve procedere insieme alla stimolazione e all'utilizzo del pensiero analogico metaforico e combinatorio. I "silent book" dell'illustratrice sudcoreana Suzy Lee, che costituiscono una sorta di trilogia ("L'onda", "Ombra" e "Mirror"), si propongono quale terreno di interessante e prolifica analisi del meccanismo polialfabetico dell'albo illustrato, con il loro valicare i limiti anche fisici posti dal libro volgendo lo sguardo del lettore verso una nuova prospettiva.

Barsotti, S. (2014). La "Trilogia del limite": i "silent book di Suzy Lee", laboratorio di metafore e immaginario. In Michele Corsi (a cura di), La ricerca pedagogica in Italia. Tra innovazione e internazionalizzazione (pp. 395-404). Pensa MultiMedia.

La "Trilogia del limite": i "silent book di Suzy Lee", laboratorio di metafore e immaginario

Barsotti S
2014-01-01

Abstract

Nella storia della Letteratura per l'infanzia, l'albo illustrato ha ormai conquistato un posto di rilievo; esso, per sua natura, è caratterizzato dalla contaminazione di linguaggi diversi e dalla polisemia che nasce dal fruttuoso incontro tra testo e immagine, produttore di sempre nuovi testi. Il "picture book" si pone al servizio di un processo in cui la costruzione di una competenza testuale, fondata principalmente sul pensiero logico, deve procedere insieme alla stimolazione e all'utilizzo del pensiero analogico metaforico e combinatorio. I "silent book" dell'illustratrice sudcoreana Suzy Lee, che costituiscono una sorta di trilogia ("L'onda", "Ombra" e "Mirror"), si propongono quale terreno di interessante e prolifica analisi del meccanismo polialfabetico dell'albo illustrato, con il loro valicare i limiti anche fisici posti dal libro volgendo lo sguardo del lettore verso una nuova prospettiva.
978-88-6760-194-3
Barsotti, S. (2014). La "Trilogia del limite": i "silent book di Suzy Lee", laboratorio di metafore e immaginario. In Michele Corsi (a cura di), La ricerca pedagogica in Italia. Tra innovazione e internazionalizzazione (pp. 395-404). Pensa MultiMedia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/373250
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact