The fairy tale, by virtue of its ability to travel in space and time, changing shape and adapting to new historical periods and new languages, creeps, sometimes silently, into the different forms of storytelling, letting itself be caught only by traces and clues. The illustrated album, for its part, is by its very nature characterised by the contamination of different languages and by the polysemy that arises from the fruitful encounter between text and image that always produces new texts. The present essay proposes some reflections on the fortunate encounter, in contemporary children's literature, between the two particular narrative devices, the first one millenary and the second one of the last decades, highlighting how it is precisely in the illustrated book that the fairy tale finds today the most fertile ground to reconfirm its narrative force and its pedagogical-educational value.

La fiaba, in forza della sua capacità di viaggiare nello spazio e nel tempo, mutando forma e riadattandosi a nuove epoche storiche e nuovi linguaggi, si insinua, talvolta silenziosamente, nelle diverse forme di racconto, lasciandosi cogliere solo per tracce e indizi. L’albo illustrato, da parte sua, è per sua natura caratterizzato dalla contaminazione di linguaggi diversi e dalla polisemia che nasce dal fruttuoso incontro tra testo e immagine produttore di sempre nuovi testi. Il presente saggio propone alcune riflessioni sul fortunato incontro, nella letteratura contemporanea per l’infanzia, tra i due particolari congegni narrativi, millenario il primo, degli ultimi decenni il secondo, evidenziando come proprio nell’albo illustrato la fiaba trovi oggi il terreno più fertile per riconfermare la sua forza narrativa e la sua valenza pedagogico-educativa.

Barsotti, S. (2020). Fiaba e albo illustrato. Riflessioni su un fortunato incontro. In La metamorfosi della fiaba (pp. 109-132). ITA : tab edizioni.

Fiaba e albo illustrato. Riflessioni su un fortunato incontro

Susanna Barsotti
2020-01-01

Abstract

La fiaba, in forza della sua capacità di viaggiare nello spazio e nel tempo, mutando forma e riadattandosi a nuove epoche storiche e nuovi linguaggi, si insinua, talvolta silenziosamente, nelle diverse forme di racconto, lasciandosi cogliere solo per tracce e indizi. L’albo illustrato, da parte sua, è per sua natura caratterizzato dalla contaminazione di linguaggi diversi e dalla polisemia che nasce dal fruttuoso incontro tra testo e immagine produttore di sempre nuovi testi. Il presente saggio propone alcune riflessioni sul fortunato incontro, nella letteratura contemporanea per l’infanzia, tra i due particolari congegni narrativi, millenario il primo, degli ultimi decenni il secondo, evidenziando come proprio nell’albo illustrato la fiaba trovi oggi il terreno più fertile per riconfermare la sua forza narrativa e la sua valenza pedagogico-educativa.
978-88-9295-032-0
The fairy tale, by virtue of its ability to travel in space and time, changing shape and adapting to new historical periods and new languages, creeps, sometimes silently, into the different forms of storytelling, letting itself be caught only by traces and clues. The illustrated album, for its part, is by its very nature characterised by the contamination of different languages and by the polysemy that arises from the fruitful encounter between text and image that always produces new texts. The present essay proposes some reflections on the fortunate encounter, in contemporary children's literature, between the two particular narrative devices, the first one millenary and the second one of the last decades, highlighting how it is precisely in the illustrated book that the fairy tale finds today the most fertile ground to reconfirm its narrative force and its pedagogical-educational value.
Barsotti, S. (2020). Fiaba e albo illustrato. Riflessioni su un fortunato incontro. In La metamorfosi della fiaba (pp. 109-132). ITA : tab edizioni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/373259
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact