Sulla sintassi e lo stile della Mandragola di Niccolò Machiavelli