Il presente contributo intende indagare la tematica dell’emigrazione forzata attraverso l’analisi di Betina sin aparecer (2011) di Daniel Tarnopolsky, unico sopravvissuto di un’intera famiglia di origini ebraiche sequestrata e fatta scomparire dai militari durante l’ultima dittatura argentina. A partire dalle testimonianze di ex-desaparecidos, ricordi personali, incontri con veggenti e medium durante gli anni trascorsi a Parigi, l’autore – attraverso una triplice linea narrativa – costruisce un’opera ibrida che abbraccia la narrativa testimoniale, la memorialistica, l’autobiografia, il saggio storico-politico, il romanzo intimista, per esplorare le frontiere tra la presenza e l’assenza, l’appartenenza e l’esclusione, la vita e la morte, la solidarietà e l’eterna solitudine della condizione di esule, alla ricerca della propria identità e di una sorella, forse, ancora viva.

Nanni, S. (2020). “La polisemica erranza di Daniel Tarnopolsky tra ricerca mistica e dovere testimoniale”. In Susanna Nanni e Sabrina Vellucci (a cura di), Circolazione di persone e di idee: Integrazione ed esclusione tra Europa e Americhe (pp. 165-182). New York : Bordighera Press.

“La polisemica erranza di Daniel Tarnopolsky tra ricerca mistica e dovere testimoniale”

Susanna Nanni
2020

Abstract

Il presente contributo intende indagare la tematica dell’emigrazione forzata attraverso l’analisi di Betina sin aparecer (2011) di Daniel Tarnopolsky, unico sopravvissuto di un’intera famiglia di origini ebraiche sequestrata e fatta scomparire dai militari durante l’ultima dittatura argentina. A partire dalle testimonianze di ex-desaparecidos, ricordi personali, incontri con veggenti e medium durante gli anni trascorsi a Parigi, l’autore – attraverso una triplice linea narrativa – costruisce un’opera ibrida che abbraccia la narrativa testimoniale, la memorialistica, l’autobiografia, il saggio storico-politico, il romanzo intimista, per esplorare le frontiere tra la presenza e l’assenza, l’appartenenza e l’esclusione, la vita e la morte, la solidarietà e l’eterna solitudine della condizione di esule, alla ricerca della propria identità e di una sorella, forse, ancora viva.
978-1-59954-155-6
Nanni, S. (2020). “La polisemica erranza di Daniel Tarnopolsky tra ricerca mistica e dovere testimoniale”. In Susanna Nanni e Sabrina Vellucci (a cura di), Circolazione di persone e di idee: Integrazione ed esclusione tra Europa e Americhe (pp. 165-182). New York : Bordighera Press.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/375752
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact