Salvatore Satta e Piero Calamandrei. "Comunanza di idee, di sentimenti, di disperate speranze nonostante la differenza etnica, così importante almeno nel dominio dell'inconscio"