"Shining" e la struttura ironica dell'esperienza