Camus, Morin, il Covid-19 e l'urgenza di un cambio di paradigma