«Farsi da sé artefici di una migliore sorte». Senso e funzione della pena in Eugenio Perucatti